• 1/47
  • 2/47
  • 3/47
  • 4/47
  • 5/47
  • 6/47
  • 7/47
  • 8/47
  • 9/47
  • 10/47
  • 11/47
  • 12/47
  • 13/47
  • 14/47
  • 15/47
  • 16/47
  • 17/47
  • 18/47
  • 19/47
  • 20/47
  • 21/47
  • 22/47
  • 23/47
  • 24/47
  • 25/47
  • 26/47
  • 27/47
  • 28/47
  • 29/47
  • 30/47
  • 31/47
  • 32/47
  • 33/47
  • 34/47
  • 35/47
  • 36/47
  • 37/47
  • 38/47
  • 39/47
  • 40/47
  • 41/47
  • 42/47
  • 43/47
  • 44/47
  • 45/47
  • 46/47
  • 47/47
Piloti

MotoGP. Tutte le moto di Andrea Dovizioso [GALLERY]

Il 12 aprile Andrea proverà l’Aprilia RS-GP a Jerez: sarà la quinta MotoGP differente utilizzata dal Dovi da quando ha debuttato, nel 2008, nella categoria più importante: un piccolo primato. Ecco tutte le moto dell’ex pilota di Honda, Yamaha e Ducati
di Giovanni Zamagni
Vedi anche

Honda satellite, Honda ufficiale, Yamaha satellite, Ducati ufficiale. Fra poco anche Aprilia ufficiale: un piccolo primato per Andrea Dovizioso, il pilota che ha provato più MotoGP. Una grande esperienza che può essere molto utile alla Casa di Noale, come ha spiegato bene a Moto.it l’ingegnere Paolo Bonora, responsabile in pista del progetto Aprilia MotoGP. Ripercorriamo la carriera di Andrea nella categoria più importante.

 

2008: Honda RC212V satellite, team Scot

Il debutto in MotoGP avviene con il team Scot, squadra con la quale Andrea Dovizioso ha vinto il mondiale 125 (2004) e ha finito due volte secondo in 250 (2006 e 2007). Ha a disposizione una RC212V satellite: allora la differenza con la moto ufficiale era piuttosto marcata. Al debutto in Qatar finisce quarto, secondo tra i piloti Honda, battuto da Dani Pedrosa (terzo). In quell’anno, ci sono piloti con le Michelin e altri con le Bridgestone: Andrea ha le gomme francesi. Conquista un podio, terzo in Malesia, ancora una volta dietro alla Honda ufficiale di Pedrosa, ma davanti a quella di Nicky Hayden. Chiude il campionato al quinto posto con 174 punti.

 

2009-2011: Honda RC212V ufficiale, team HRC

Nel 2009, Andrea viene inserito nella squadra ufficiale HRC, dove rimane fino al 2011, anche se l’ultimo anno corre da separato in casa: nonostante un contratto firmato, la Honda vuole spostare Dovizioso nel team satellite di Fausto Gresini, ma il pilota si oppone e la HRC è “costretta” a fare tre moto: in seguito, verrà introdotta la regola che impone un massimo di due piloti per ogni squadra. La moto è la RC212V ufficiale: Andrea disputa 54 GP, con una vittoria e 15 podi totali. Miglior piazzamento in campionato: terzo nel 2011, dietro a uno dei due compagni di squadra Casey Stoner (l’altro è Dani Pedrosa) e a Jorge Lorenzo con la Yamaha. 

 

2012: Yamaha M1 satellite, team Tech3

Nel 2012 passa alla Yamaha, nel team satellite di Herve Poncharal, a fianco di Cal Crutchlow. Al debutto in Qatar, Andrea è quinto dietro al compagno di squadra, ma a fine stagione sarà quarto in classifica generale (Crutchlow settimo), seconda Yamaha dopo quella ufficiale del campione del mondo Lorenzo. Con la Yamaha disputa 18 GP, conquistando sei podi.

 

2013- 2020: Ducati DesmosediciGP ufficiale, team Ducati

Dovizioso passa alla Ducati, sostituendo nientemeno che Valentino Rossi. In Qatar è settimo e la prima stagione è molto complicata: Andrea non conquista nemmeno un podio, chiudendo il campionato in ottava posizione con soli 140 punti, contro i 334 del campione del mondo Marc Marquez. Nel 2014, però, arriva l’ingegnere Gigi Dall’Igna, la Desmosedici viene trasformata e grazie anche ai consigli del Dovi cresce anno dopo anno. In totale, Andrea disputa con la Ducati disputa 176 GP, vincendo 14 gare e salendo complessivamente 40 volte sul podio, finendo tre volte secondo in classifica generale.

 

Foto: MotoGP.com

Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta