Test

Lapierre GLP2: eBike test con Nico Vouilloz

Un test esclusivo in compagnia del dieci volte campione del mondo, per provare una eBike creata da lui
di Alex Boyce

Dobbiamo ammettere che nella stagione 2018-2019 le novità riguardanti le eBike sono state tutte atte a migliorare quello che già esisteva: insomma, non abbiamo visto grandi rivoluzioni. In compenso l'avvio del 2020 si è già dimostrato essere molto, molto vivace. Lapierre, per esempio, ha lanciato la GLP2 Enduro Race Ebike.

La GLP2 è un progetto personale di Nicolas Vouilloz, una bici da corsa completa che è stata commercializzata e lanciata sul mercato. Nico è considerato il più grande rider MTB di tutti i tempi, dieci volte campione del mondo. È l'equivalente dei nostri Valentino Rossi e Tony Cairoli dal punto di vista sportivo, ed è appassionato di bici elettriche e del passaggio all'elettrificazione. Gli piace sviluppare nuovi prodotti, e per lui è una grande soddisfazione vedere realizzato e venduto il frutto delle sue intuizioni e delle sue indicazioni. Per noi poter testare assieme a lui questa nuova GLP2 è quindi stata un'esperienza irripetibile.

  • 1/10
  • 2/10
  • 3/10
  • 4/10
  • 5/10
  • 6/10
  • 7/10
  • 8/10
  • 9/10
  • 10/10

COME E' FATTA

La GLP2 è una bici da Enduro pensata per le corse, con sospensioni ad alte prestazioni e componentistica disponibile in due versioni, Team ed Élite. Noi abbiamo testato la bici in versione Team nella sua versione definitiva.

Telaio - New Overvolt 160 mm
Forcella - CARICATORE ROCKSHOX LYRIK ULTIMATE RCT3 29" BOOST 15x110, 160 mm 42 mm offset
Ammortizzatore - ROCKSHOX SUPER DELUXE SELECT + RT TRUNNION 205x60 mm
Cambio - SRAM AXS EAGLE 12 spd
Freni - SRAM G2 disco 220 mm/200 mm
Guarnitura - E13 165 mm SRAM XSYNC 34T
Manubrio - LAPIERRE ALLOY 6061DB - L: 760 mm, R: 15 mm, Ø: 31,8 mm
Motore - NUOVO BOSCH PERFORMANCE CX GEN4
Batteria - POWERPACK da 500 Wh + 300 Wh + Backpack
Display - PURION
Reggisella - LAPIERRE DROPPER + TRIGGER, Ø: 31,6 mm, corsa: 150 mm (L, XL)
Cerchi - NEW LAPIERRE eAM + CARBON FRONT: 622x30c / REAR: 584x35c J-bend
Pneumatici - MAXXIS FT: 29x2,5 ASSEGAI / RR: 27,5x2,8 MINION DHR II
Peso - Circa 21 chili (L)
Prezzo - 8.499 euro

La versione Élite è realizzata con una speciale stratificazione in fibra di carbonio per ciascuna delle dimensioni in cui è offerto il telaio, ottimizzando rigidità e prestazioni. Anche il posteriore è in carbonio e, grazie all'uso del nuovo motore Gen 4 di Bosch, il fodero orizzontale è corto e disposto come se fosse una mountain bike muscolare. Il telaio è stato ottimizzato per ospitare una batteria in posizione centrale, e per l'impiego di una batteria Bosch da 500 Wh. L'obiettivo principale era l’ottimizzazione della distribuzione del peso e della stabilità. 

L’ammortizzatore posteriore ha 160 mm di escursione ed è stato ottimizzato per le competizioni, in modo da avere un mix di anti-squat e galleggiamento, ottimizzando la trazione e l’ammortizzazione. L'anti-squat è utile quando la sospensione della bici si allunga mentre si pedala. Se questo valore dovesse essere troppo elevato, la bici soffrirà in discesa e, al contrario, la bici sarà troppo instabile quando si pedala.

I cerchi sono da 29 pollici all’anteriore e da 27,5 al posteriore. Questa scelta all’avanguardia offre un ottimo controllo della velocità all’anteriore e una buona manovrabilità ad alta velocità al posteriore nelle curve strette. Lo pneumatico più largo offre anche un'aderenza eccellente in salita e la ruota posteriore è leggermente più rigida. I cerchi sono in carbonio e garantiscono un controllo preciso del mezzo e una guida dinamica.

La bici è dotata di un display Bosch, robusto, semplice e orientato alle prestazioni, cambio wireless AXS di Sram, veloce e semplice da installare in quanto non sono necessari cavi e regala un look pulito al mezzo. La GLP2 è inoltre dotata di reggisella idraulico, mentre la frenata si affida ad un potente impianto frenante Sram con dischi G2 da 220 mm.

La versione Elite viene fornita con uno speciale zaino XLC che contiene una batteria aggiuntiva da 300wh, offrendo alla GLP2 una capacità totale di 800wh, che è la maggiore sul mercato per questo tipo di bici.

 

GEOMETRIA

L'impiego di un motore Bosch gen 4 significa che Lapierre è stato in grado di utilizzare una catena da 440 mm, più corta di 35 mm rispetto alla versione precedente. Oltre a ciò, la bici ha un’inclinazione del tubo reggisella di 76 gradi e un’inclinazione del cannotto di sterzo di 65, garantendo una posizione di guida aggressiva in discesa ed efficiente in salita.

Il reach di 484mm (L) è abbastanza lungo da offrire al ciclista una posizione di guida confortevole, ma rimanendo anche molto aggressiva in discesa. Abbiamo chiesto se fosse una scelta dettata dalla moda o dalla praticità, e Nico ha affermato che è un mix di entrambi i fattori. Certo, ora il rider è in grado di caricare maggiormente l’anteriore nelle curve in discesa, ma il rischio era quello che il reach fosse eccessivamente lungo.

Nico ha detto che la bici potrà essere equipaggiata anche con una forcella da 180 mm, dando ai piloti la possibilità di fare modifiche e variare la configurazione secondo le proprie preferenze. Questa è soprattutto una bici da corsa, quindi è stata pensata per garantire la possibilità di modificarla a proprio piacimento.

Noi non abbiamo fatto grosse modifiche, abbiamo abbassato il SAG del 28% e utilizzato la posizione centrale nelle impostazioni di compressione dell'ammortizzatore. Sui sentieri veloci che abbiamo percorso, abbiamo impostato un ritorno più smorzato. Abbiamo scoperto che queste impostazioni sono ottime e si adattano al nostro stile di guida. È possibile utilizzare dei distanziali di compressione tra la cartuccia e l’ammortizzatore, tuttavia, non consigliamo di modificare l'impostazione standard a meno che non si sappia cosa si sta facendo.

La distribuzione del peso è ottima, l’anteriore sembra quello di una bici normale, questo significa che la nostra messa a punto ha avuto un effetto maggiore sull’efficacia nella guida rispetto a quanto riscontrato su altre bici

MOTORE E BATTERIA

Il Bosch Gen 4 è di oltre 2 chili più leggero rispetto alla versione precedente (2,9 chili) e sulla GLP2 si nota immediatamente questa differenza. Ciò è stato ottenuto utilizzando ingranaggi diversi, una forma più piccola e un carter in magnesio per il motore.
I 250 Watt di potenza vengono erogati senza problemi a una cassetta a 12 velocità. Abbiamo notato che la pedalata oltre i 25 km/h non richiedeva alcuno sforzo aggiuntivo, ovvero il sistema assorbire poca energia dalla pedalata del ciclista. L'utilizzo della modalità EMTB è ottimale per le corse, in quanto fornisce una variazione di potenza automatica in base agli input del ciclista. Nico afferma che durante le gare utilizza il display Purion per visualizzare in grande la velocità, così da non andare troppo sopra ai 25 km/h, risparmiando le proprie energie bilanciandole con la carica della batteria.

Abbiamo guidato la maggior parte del tempo in modalità EMTB e Turbo, ma nella parte inferiore del display c'è anche una modalità pensata per la camminata, per aiutare quando si spinge sui tratti più ripidi.

 

Batteria

Lapierre ha scelto di utilizzare per il test la versione Team con 800 Wh di batteria: 500 della batteria montata sulla bici e 300 di batteria riposta in uno zaino, che viene poi sostituita quando necessario. 800 Wh di batteria offrono un'autonomia di circa 4-5 ore in sella e circa 1500-2000 metri in salita a seconda del peso del ciclista. Non esiste una bici comparabile sul mercato con questa capacità. L'uso della batteria centralizzata significa anche un risparmio di peso di 400 grammi rispetto a una batteria interna. Lo zaino è compatibile con una batteria da 500wh, il che significa che se si volesse, si potrebbe avere una capacità totale della batteria di 1000wh. Trasportare la batteria sulla schiena piuttosto che sulla bici offre ovviamente prestazioni superiori.

  • 1/27
  • 2/27
  • 3/27
  • 4/27
  • 5/27
  • 6/27
  • 7/27
  • 8/27
  • 9/27
  • 10/27
  • 11/27
  • 12/27
  • 13/27
  • 14/27
  • 15/27
  • 16/27
  • 17/27
  • 18/27
  • 19/27
  • 20/27
  • 21/27
  • 22/27
  • 23/27
  • 24/27
  • 25/27
  • 26/27
  • 27/27

COME VA

SALITA
Nico ha utilizzato spesso la modalità turbo ,e andava molto velocemente: seguirlo sulla GLP2 è stato estremamente impegnativo. Tuttavia questa esperienza è stata ottima per cercare di spingere la bici fino al limite. La trazione in salita è eccezionale, e si ha la possibilità di passare sopra le rocce, andare per salite particolarmente ripide e curvare meglio rispetto a qualsiasi altra eBike che abbiamo provato. L’ottima distribuzione del peso significa che la parte anteriore sembra molto leggera, ma allo stesso tempo non eccessiva: ovviamente questo garantisce un ottimo controllo del mezzo il cambio di direzione in salita lo si affronta semplicemente, così come lo stallo sulle salite più rognose. Abbiamo trovato le sospensioni sufficientemente reattive quando si pedala in salita e il set up suggerito da Nico è estremamente valido.

La GLP2 non è pensata per gli spostamenti, ma in realtà è una bici divertente, e non appena si sale in sella, si inizia a giocare, si impenna con grande facilità, l'accelerazione è molto intensa e quando si cerca uno scatto oltre i 25 km/h la bici risponde come nessun altra provata sino ad ora. Merito di un rapporto peso / potenza molto favorevole. Lo sterzo è leggero e preciso e i cerchi in carbonio fanno sentire a proprio agio. Tuttavia, il trail running non è la vocazione di questa bici.
 

IN DISCESA
La GLP2 è veloce, probabilmente la bici da enduro/DH più controllabile e più veloce che abbiamo mai provato. Il grip è eccezionale, così come il feedback rispetto ai nostri input quando il gioco si fa duro.

In una particolare discesa ci siamo sentiti vicini al limite quando ci si è presentata davanti una roccia molto impegnativa: la nostra reazione è stata brusca per evitare di cadere, e la bici ha risposto in maniera composta e siamo riusciti a mantenerne il controllo, cosa che sarebbe stata impossibile con una eBike più pesante.

Abbiamo trovato i 160 mm di corsa più che sufficienti e la sospensione ha reagito in modo lineare e leggermente progressivo, il che è stato rassicurante. I salti sono fluidi, la bici salta silenziosamente, tutto è sempre sotto controllo ed è più probabile che sia il ciclista a raggiungere il proprio limite prima della bici. Nelle curve ad alta velocità la GLP2 ha un buon grip e non si scompone, le frenate sono più potenti e costanti grazie al disco anteriore da 220 mm che, insieme al superlativo bilanciamento del peso, garantisce un’ottima performance di frenata anche nelle discese più lunghe, senza perdita di stabilità.

 

La bici da Enduro/DH più controllabile e più veloce che abbiamo provato

PER CHI E'

Questa Lapierre GLP2 è divertente e facile da guidare, non mette in difficoltà i ciclisti e non li fa sentire in soggezione in condizioni normali. Tuttavia, se si guida veloci, se si vuol saltare e percorrere percorsi rocciosi senza rischiare, questa è la bici che fa per voi. La qualità costruttiva è eccellente, così come il design, e si rivolge a un pubblico di ciclisti molto ampio.

CONCLUSIONI

La GLP2 è l'eBike più veloce del mondo? Forse, dipende da chi ci sta in sella. Diciamo che questa bici può portarti al limite e oltre. È una bici E-Enduro molto reattiva e potente, che si lascia guidare con un enorme senso di soddisfazione. È anche una bici di fascia alta con prezzi molto competitivi rispetto al resto del mercato. Sì, 8.499 euro sono un sacco di soldi, ma il rapporto qualità-prezzo è eccellente. Il cambio AXS, in questo segmento, abbinato ad una batteria da 800 Wh è raro. Dopodiché, i guadagni in termini di prestazioni rispetto al denaro speso, saranno molto marginali. Lapierre e Nico Vouilloz hanno creato una bici da sogno, e se vi piace una guida ad alte prestazioni, ne rimarrete sicuramente soddisfatti.

Ci saranno solo pochi ciclisti al mondo che potranno avere il privilegio di conoscere a fondo la GLP2, e saranno ancor meno quelli in grado di sfidare Nico.

Vedi anche
Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta