Aprilia Tuono 660: è più vicina alla produzione
Anticipazioni

Aprilia Tuono 660: è più vicina alla produzione

Presentata a EICMA in veste di concept, la nuova naked Tuono 660 è attesa come modello di serie nel 2021. Intanto il design è stato stabilito e depositato

Allo stesso modo della serie V4, la svestizione della sportiva RS660 in Tuono 660 naked è stata assodata.
La naked derivata dalla versione sportiva RS è stata infatti presentata alla scorsa edizione di EICMA come concept ed è attesa alla fine di quest'anno in veste definitiva per arrivare nelle concessionarie all'inizio del prossimo anno.

Il concept presentato a EICMA 2019
Il concept presentato a EICMA 2019

La RS 660, presentata sempre come concept ma EICMA 2018, avrebbe dovuto essere presentata alla stampa proprio in queste settimane, ma la pandemia Covid-19 ha cambiato anche le tempistiche di questa presentazione, mentre l'arrivo in vendita della sportiva bicilindrica di Noale è atteso per questo autunno.

La Tuono condivide con la RS il motore e la ciclistica. Il primo è appunto un bicilindrico parallelo con fasatura a 270° che è nato dalla bancata anteriore dell'eccellente Aprilia V4 1.100. Eroga 95 cavalli (e quindi avremo una versione depotenziata per chi ha la patente A2), mentre telaio bitrave e forcellone asimmetrico sono in lega di alluminio.

La dotazione elettronica è molto raffinata per la classe di cilindrata e comprende la piattaforme inerziale a sei assi che gestisce gli interventi di controllo di trazione, impennata e freno motore, la frenata è con ABS di tipo cornering.

  • 1/3
  • 2/3
  • 3/3

I disegni depositati all'ufficio europeo dei brevetti, e pubblicati dal sito inglese bikesocial, mostrano la Tuono 660 con la sua estetica definitiva. Si tratta di disegni 3D che determinano appunto le dimensioni e le forme delle diverse componenti.

Vedi anche

L'estetica pare del tutto confermata a parte qualche dettaglio. In particolare, oltre alle diverse pinze freno anteriori, a cambiare rispetto al concept presentato è la carenatura sotto il motore e che copre parte dell'impianto di scarico.
E' un poco più estesa per coprire meglio il catalizzatore e salire più vicina al carter motore. Il silenziatore, con uscita triangolare, mostra poi una griglia che ricorda quelle usate sugli scarichi delle MotoGP.

Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta