Kawasaki Z H2 SE: novità 2021
Novità 2021

Kawasaki Z H2 SE: novità 2021

Kawasaki da vita ad una versione SE della Z H2: arrivano il controllo semiattivo delle sospensioni KECS con Showa Skyhook, nuove grafiche e pinze freno anteriori Brembo Stylema
di Moto.it

Per il 2021 la Hypernaked sovralimentata di Akashi conferma il suo peculiare stile Sugomi, si evolve e viene affiancata da una versione SE: Kawasaki da vita ad una versione arricchita da controllo semiattivo delle sospensioni KECS con sistema Showa Skyhook, da nuove grafiche, nuovi colori e nuove pinze freno anteriori Brembo Stylema.

Alla dotazione elettronica della Kawasaki Z H2 SE che abbiamo apprezzato sul MY 2020 anche durante la nostra comparativa Hypernaked (IMU a sei assi che sovrintende sul funzionamento del controllo di trazione KTRC a 3 e del KCMF,  i 4 riding mode, il KIBS, il cruise control, il quickshifter bidirezionale e il launch control), si aggiunge adesso il sistema KECS di controllo semiattivo delle sospensioni: la forcella Showa SFF-CA dal diametro di 43 mm con smorzamento elettronico e l’ammortizzatore posteriore high-spec BFRC lite vengono controllati da sensori che forniscono forniscono in tempo reale le informazioni ogni millisecondo alla centralina KECS; inoltre questi dati vengono integrati ogni 10 ms da quelli generati dall'IMU sull'accelerazione/decelerazione della motocicletta, dall'ABS e dalla velocità di rotazione delle ruote: sulla base di questi parametri il KECS agisce sui solenoidi per regolare in tempo reale le sospensioni e garantire il miglior assetto.

Inoltre il sistema KECS è affiancato dal sistema Skyhook EERA (Electronically Equipped Ride Adjustment) di Showa messo a punto dagli ingegneri Kawasaki specificamente per la Z H2 SE. Quando viene selezionata la modalità Rain, il sistema KECS viene integrato dall'algoritmo Skyhook che tiene conto dell'accelerazione verticale e della velocità di beccheggio (ciascuna confermata ogni 10 ms) in aggiunta a tutti gli altri parametri, per garantire il massimo della sicurezza e della manegevolezza senza rinunciare alla solidità d'appoggio.

  • 1/15
  • 2/15
  • 3/15
  • 4/15
  • 5/15
  • 6/15
  • 7/15
  • 8/15
  • 9/15
  • 10/15
  • 11/15
  • 12/15
  • 13/15
  • 14/15
  • 15/15

Novità importanti anche sull'impianto frenante anteriore: i dischi da 320 mm vengono adesso morsi da pinze freno anteriori che passano dalle M4.32 alle più raffinate Stylema, sempre firmate Brembo; le nuove pinze sono più leggere (con benefici quindi sulle masse non sospese), grazie ai loro volumi interni garantiscono un comando più diretto, si raffreddano più velocemente e sulla Z H2 SE sono accoppiate ad una nuova pompa radiale Brembo e a tubazioni freno in treccia d'acciaio.

Nessuna modifica viene dichiarata per il motore che mantiene la sua potenza di 200 cv a 11.000 giri e la coppia di 137 Nm a 8500 giri, mentre il peso a secco viene dichiarato in 240 chili, uno in più rispetto alla versione base.

 

La Kawasaki Z H2 SE viene presentata nel solo colore Metallic Diablo Black / Golden Blazed Green e mantiene l'impianto di illuminazione Full LED, il dashboard TFT con il quale poter dialogare, anche attraverso l'App Kawasaki Rideology, con tutti i parametri vitali e le regolazioni  dei parametri della moto.

  • 1/6
  • 2/6
  • 3/6
  • 4/6
  • 5/6
  • 6/6

Kawasaki Z H2 1000 (2020)

Informazioni generali
  • Marca
    Kawasaki
  • Modello
    Z H2 1000
  • Allestimento
    Z H2 1000 (2020)
Vai alla scheda tecnica
Recensioni
  • username__499180
    8 febbraio 2021
    Kawasaki Z H2 1000
    Moto fantastica, motore fuori di testa e fuori da tutti gli schemi. Ammortizzatore posteriore carente , ho impiegato un po di tempo per personalizzarlo, meriterebbe qualcosa di firmato. Assistenza Kawasaki sempre al top.
    Leggi di più
Moto nuove
Moto usate
Leggi anche
Altre info Kawasaki Z H2 1000 (2020)
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta