Yamaha Ténéré Challenge. Torna l'amore per i rally
Iniziative

Yamaha Ténéré Challenge. Torna l'amore per i rally

L'anima da gara della 700 Yamaha emerge nel Ténéré Challenge dedicato ai normali acquirenti. Cinque tappe all’interno del campionato italiano Motorally che si concluderanno con la partecipazione allo Swank Rally

L'arrivo della Ténéré 700 ha riportato il cuore sul tassello e la memoria alla gloria dei suoi storici predecessori, tanto da portare Yamaha a inaugurare il "Ténéré Spirit", un programma che raggrupperà tutte le esperienze che un cliente potrà fare a bordo della Ténéré 700 all’interno di un’area dedicata nel sito ufficiale Yamaha Italia.

L’anima “race” del “Ténéré Spirit”, sarà rappresentata dal “Ténéré Challenge”, attività che prevede la creazione di una categoria dedicata al bicilindrico Yamaha all’interno dell'italiano Motorally, patrocinato dalla FMI.
La categoria prevederà un regolamento specifico e semplificato, per rendere l’esperienza più fruibile anche ai possessori meno esperti di rally.

Alessandro Botturi sarà presente nella duplice veste di partecipante al Motorally, con una Ténéré 700, e in veste di ambassador del Challenge (qui sotto ci racconta la sua Ténéré 700 da gara).

Il trofeo si articolerà su cinque prove da marzo a settembre in diverse località d’Italia. Il percorso di ogni tappa sarà studiato specificatamente per trovare un equilibrio tra divertimento e competizione così da essere appetibile anche per i piloti che praticano il fuoristrada a livello amatoriale.

Durante le competizioni si navigherà con traccia GPX al posto del road book cartaceo.

Yamaha Ténéré 700 (2021)

Informazioni generali
  • Marca
    Yamaha
  • Modello
    Ténéré 700
  • Allestimento
    Ténéré 700 (2021)
Vai alla scheda tecnica
Recensioni
  • Gigi200829
    5 marzo 2021
    Yamaha Ténéré 700
    Moto polivalente, motore perfetto rapportato a peso e telaio. Frenata ben modulabile e sospensioni ottime sia in fuoristrada che su strada. Agile, divertente e maneggevole. Stabile in autostrada anche a velocità sostenute. Riparo dall’ aria sufficiente anche per fare autostrada a velocità non elevate. Una delle poche bicilindriche enduro stradali utilizzabile realmente in fuoristrada. Unico neo: non il massimo in coppia per lunghi tragitti data la sella non molto comoda per il passeggero e L’ ergonomia posteriore di serie minimalista in virtù di una linea davvero filante e aggressiva.
    Leggi di più
  • Sergio67
    18 dicembre 2020
    Yamaha Ténéré 700
    Mi piace anche se l'erogazione non è eccelsa....mi riferisco alla centralina che a mio avviso non è programmata bene quando esce dal concessionario. Specialmente con lo scarico Akra dedicato. Ma la moto mi diverte,in città fai quello che ti pare in quanto molto leggera e maneggevole (pero' se sei alto almeno 180 cm.)in autostrada,sebbene non sia nata per questo ha un comportamento sufficiente. Il meglio lo da sulle statali. Le temperature esterne influiscono moltissimo. Col caldo(come quasi tutte le moto) si surriscalda troppo nonostante abbia una cubatura modesta,col freddo te la godi mooooolto di piu'. Moto non adatta a viaggi medio/lunghi e proprio per questo passero' a Tracer 900 GT 2021. Anche se mi dispiace. Rimpiangero' gli sterrati,questo si!!
    Leggi di più
  • pin8otto
    11 dicembre 2020
    Yamaha Ténéré 700
    Soddisfatto in tutto, sia su strada che fuoristrada, è la moto che riempiva uno spazio tra i generi che mi piacciono. Su strada misto curve da filo da torcere a qualunque moto stradale, anche con le gomme originali. Per compensare un pò di instabilità sul davanti, Io ho sfilato ca 1 cm le forcelle. Dopo 3000 km ha un pò ceduto l'ammortizzatore posteriore, ma penso che indurendo le regolazioni possa migliorare. L'unico GRANDE NEO che riscontro è il forte effetto ON-OFF che è veramente molto imbarazzante. Dà fastidio soprattutto alle basse velocità e nelle marce basse, addirittura anche sul dritto, ma in curva è veramente limitante. Fuoristrada non è un problema, ma se su strada arrivi allegro in curva e molli il gas, riaprendo ti scombussola a dir poco la traiettoria, per non dire che potrebbe portarti a una perdita di aderenza tale da finire per terra. La moto lo permette, si tocca l'asfalto con le pedane, è un peccato non poterla sfruttare. L'unico modo che ho di smorzare l'effetto della brusca entrata del motore è tenere due dita sulla frizione e "limare" l'effetto alla riapertura del gas. Sinceramente non mi pare una soluzione ragionevole. Il concessionario, sempre molto disponibile, mi riferisce che Yamaha non ha previsto nulla finora. Ho scritto a Yamaha e mi ha risposto - anche piuttosto seccamente - di rivolgermi al concessionario. E adesso rimandiamo il tutto in primavera, speriamo... P.S. al 5 aprile 2021: acquistata a 120 euro e installata sonda IAT Belinassu che riduce fittiziamente la potenza. Il risultato è che si riduce un pò l'effetto ON-OFF, ma riduce anche la prestanza e prontezza del motore in tutte le sue fasi. Un vero peccato che Yamaha giri la testa dall'altra parte e soprattutto che non sia capace di provvedere a risolvere.
    Leggi di più
Moto nuove
Moto usate
Leggi anche
Altre info Yamaha Ténéré 700 (2021)
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta