Yamaha TMAX Lobomotive: stile R1 SBK e freni da MotoGP
Special

Yamaha TMAX Lobomotive: stile R1 SBK e freni da MotoGP

Da Lobomotive una complessa elaborazione tecnico-estetica del maxi scooter Yamaha, alleggerito di 25 kg, dotato di ruote da 17” in magnesio, di freni in carbonio e di molto altro ancora
di Maurizio Gissi

Sono passati quasi vent'anni dal lancio del maxi scooter Yamaha TMAX, un modello che ha rivoluzionato la categoria. In Italia continua a essere un grande successo di vendita e anche un fenomeno motociclistico, con i suoi eccessi ma anche con tanta concretezza.

Per la sua sportività intrinseca (il motore bicilindrico non solo è potente ma lo stesso suo layout e quello dell'intera ciclistica sono molto vicini al mondo moto) è da sempre oggetto di attenzione da parte dei preparatori e su strada offre un comportamento quasi da moto.
Questa completa - e costosa - elaborazione si deve alla Lobomotive di Barcellona e alla sua mente creativa Xavi, che ha scelto un esemplare con il motore 530 del 2012 come base di partenza.

L'idea era di farne una sorta di Yamaha R1, esteticamente parlando ovviamente, e di intervenire pesantemente sulla ciclistica e sull'alleggerimento del peso. Una provocazione o un'estremizzazione: decidete voi.

  • 1/13
  • 2/13
  • 3/13
  • 4/13
  • 5/13
  • 6/13
  • 7/13
  • 8/13
  • 9/13
  • 10/13
  • 11/13
  • 12/13
  • 13/13

Il lavoro più impegnativo, secondon l'autore, è stata l'adozione delle ruote da 17 pollici (dei cerchi OZ in magnesio forgiato) che ha costretto a modificare le piastre di sterzo – avanzandole di 40 mm per guadagnare lo spazio necessario a non interferire con il radiatore – e a modificare la sospensione posteriore adottando poi uno speciale ammortizzatore YSS.
E' stata montata una forcella rovesciata Showa BFF super sportiva e all'avantreno l'impianto frenante è stato composto con una coppia di dischi in carbonio da 330 mm e di pinze Brembo GP4RX di derivazione MotoGP. A quel punto le gomme non potevano essere che delle Michelin slick Power Cup Evo.

La parte reggisella di serie è stata sostituita con il telaietto e il codino di una Yamaha R1, mentre la sella – più corta dell'originale ma più grande della 1000 Yamaha - è stata realizzata appositamente.

Molte parti delle sovrastrutture sono state ricostruite in fibra di carbonio e sono stati aggiunti particolari tecnico/estetici dello stesso materiale. Seminanubri e comandi sono tutti in alluminio lavorato dal pieno (Evo Tech e Gilles Tooling) nel rispetto del look racing, mentre l'impianto di scarico unisce i collettori Akrapovic al terminale Termignoni.

Alla fine il peso è stato ridotto di ben 25 kg. Un esercizio estremo che ha alzato ulteriormente le preparazioni sportive del maxi scooter (se si può chiamare ancora così) Yamaha.

fonte Lobomotive

Yamaha T-Max 530 (2012 - 14)

Informazioni generali
  • Marca
    Yamaha
  • Modello
    T-Max 530
  • Allestimento
    T-Max 530 (2012 - 14)
Vai alla scheda tecnica
Recensioni
  • marioporro67
    10 aprile 2021
    Yamaha TMAX 530
    Ottimo scooter agile per tutti giorni e comodo per i viaggi fuori porta.
    Leggi di più
  • maxdlg
    8 aprile 2021
    T-Max 530
    Ottimo scooter quasi una moto, bel motore, un pò scomodo per la schiena, comunque divertente.
    Leggi di più
  • Rossano Biagi
    7 aprile 2021
    Yamaha T-Max 530
    Confermo il fatto che come in molti mi avevano riferito, il T Max 530 è praticamente una Moto vestita da Scooter. E' performante per ogni tipo di percorso escluso lo sterrato. Divertente ed allo stesso tempo piacevole da guidare, però quando si toglie l' abito da Scooter tira fuori tutta la sua grinta. E' meglio non farla troppo arrabbiare.
    Leggi di più
Moto nuove
Moto usate
Leggi anche
Altre info Yamaha T-Max 530 (2012 - 14)
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta