8,0
Voto della redazione
video prova

Beta 125 RR 4t Enduro e Motard TEST 2021: motore a fasatura variabile!

Le nuove RR 4T 125 LC enduro e motard si aggiornano, diventano Euro 5, oltre a subire sensibili miglioramenti sia per quanto riguarda la ciclistica che il motore. Nuove anche le grafiche ispirate alle Factory di Brad Freeman e Steve Holcombe che corrono nel mondiale. Ecco come vanno su strada e offroad
di Enrico De Conti

Motore Minarelli a fasatura variabile

Il motore, costruito dalla Minarelli, è un quattro tempi a sei rapporti Euro 5 che sviluppa 15 cavalli, perciò queste moto possono essere guidate dai possessori di patenti A1.
Il Minarelli 125 è l'unico motore ottavo di litro quattro tempi ad avere un albero a camme a fasatura variabile. Questa scelta tecnica ottimizza il funzionamento del motore nelle quattro fasi, cioè in aspirazione, compressione, espansione e scarico. Tutto ciò si traduce in una migliore potenza a tutti i regimi e anche a un ridotto inquinamento.
Il sistema di alimentazione è Mikuni a iniezione con airbox riprogettato per dare maggior prontezza al motore. Una chicca è la presenza della frizione antisaltellamento a dischi multipli in bagno d’olio, questo migliora la stabilità e la sicurezza in frenata allungando anche la vita di alcune parti meccaniche del motore. I consumi dichiarati su ciclo misto sono di ben 50 km/l, con il serbatoio della benzina di 7,5 litri l’autonomia delle Beta 125 quattro tempi è di 375 km circa.

Ciclistica e dotazione

Anche per quanto riguarda la ciclistica troviamo delle novità. Al telaio, verniciato in rosso, sono state modificate le geometrie prediligendo agilità e maneggevolezza, inoltre troviamo una forcella USD con steli rovesciati da 41mm e un monoammortizzatore regolabile nel precarico molla.
La versione motard è equipaggiata con cerchi in lega da 17 pollici e l’enduro con i classici cerchi a raggi che misurano 21 pollici all’anteriore e 18 pollici al posteriore.
Gli pneumatici di prima dotazione sono, per la motard dei Michelin che misurano 110/80 e 130/70. Sulla versione enduro troviamo degli Shinko che misurano 90/90 e 120/90.
L’impianto frenante è composto da un disco anteriore da 260 mm con pinza a doppio pistoncino e un disco posteriore da 220 mm con pinza a singolo pistoncino. Presente anche il sistema CBS che ripartisce la frenata su entrambe le ruote garantendo una riduzione sensibile degli spazi di arresto oltre a una maggiore stabilità al mezzo.
Il peso di entrambe le versioni è di 98 kg, mentre per quanto riguarda l’altezza sella siamo a 890 mm per la motard e a 920 mm per l’enduro.

Esteticamente le Beta RR 4T 125 LC sono ispirate alle motociclette Beta Factory di Brad Freeman e Steve Holcombe che corrono nel mondiale di enduro. Nuove plastiche con uno schema colori rosso, nero e bianco. Le grafiche riportano il nome della versione scritto in grandi caratteri. Le moto sono offerte in tre diverse combinazioni colore pur mantenendo sempre ben intatta l’identità Beta.
I gruppi ottici sono stati anch’essi cambiati e sono full LED. Il display è di stile enduristico, semplice ed essenziale. A completare la dotazione troviamo un sistema di sicurezza unificato a una sola chiave per accensione, bloccasterzo e tappo benzina.

La Enduro
La Enduro

Come va la motard

La motard su strada è agilissima. Basta guardare una curva e lei la sta già percorrendo, anche sul veloce si ha una sensazione di notevole stabilità. Il telaio, rivisto nelle geometrie per il 2021, lavora molto bene con le sospensioni, che per un uso stradale sono ben tarate. Se ci si vuole cucire la moto su se stessi si può comunque agire sulla regolazione del monoammortizzatore. La posizione è quella classica, manubrio bello largo, sella stretta, schiena dritta.
Il motore ha un allungo molto buono, la fasatura variabile aiuta tanto in uscita di curva e la spinta è notevole per una cubatura così piccola. Senza dubbio mi è sembrato uno degli ottavi di litro quattro tempi più performanti da me mai testati. La frizione è morbida e su strada si apprezza l’antisaltellamento, il cambio a sei rapporti ha innesti rapidi e precisi.
La frenata è decisa, con un attacco piuttosto morbido, che però non influisce sulla potenza frenante generale che è ben dimensionata al peso della moto. I blocchetti al manubrio sono di semplice fattura, ben disposti e intuitivi. Il display è il classico elemento che si trova sulle moto da enduro. Indica il necessario e non distrae durante la guida.

Lo scarico del motore Minarelli
Lo scarico del motore Minarelli

Come va l'enduro

La versione enduro, messa alla frusta in una cava, si è fatta valere. Il monoammortizzatore lavora bene, è sostenuto e anche quando si affrontano grossi avvallamenti copia bene le buche. La forcella, ricordiamo da 41 mm, sullo sconnesso è molto sensibile e dona un buon comfort al pilota, nelle buche più profonde soffre leggermente, complice anche la lunga escursione. Ci sarebbe piaciuto avere un angolo di sterzo maggiore per le manovre da fermo e i percorsi più stretti. Il motore è molto piacevole, aiuta perchè ha un’erogazione piena fin da subito, con una bellissima schiena e un ottimo allungo in tutte le marce. Il reparto freni è un ottimo compromesso per poter affrontare percorsi stradali e in fuoristrada. Per un utilizzo esclusivamente fuoristradistico, intervenendo su alcune regolazioni presenti sulla moto, come il precarico del monoammortizzatore, si ha subito un mezzo molto capace. Le pedane passeggero possono essere di intralcio durante la guida più spinta, si possono comunque rimuovere facilmente svitando due bulloni. Nel complesso è una moto leggera, facile, che mette subito a proprio agio il pilota.

COLORAZIONI, DISPONIBILITÀ E PREZZI

Le Beta RR 4T 125 LC, già disponibili nei concessionari a un prezzo di 4.290 euro, vengono offerte: per la versione motard in bianco o nero, mentre per la versione enduro troviamo, oltre ai due colori sopra citati, anche il rosso.

  • 1/2
  • 2/2
Pro e contro
  • Facilità di guida. Motore al top tra i 4 tempi. Consumi ridotti. Enduro perfetta per iniziare l'offroad
  • Posizionamento blocchetto chiave. Ridotto angolo di sterzo per off-road

Maggiori info

Luogo: Milano
Meteo: 15°C

ABBIAMO USATO
Enrico De Conti
Giacca: Alpinestars Yokohama
Guanti: Alpinestars sp-x air
Pantaloni: Alpinestars Barton riding cargo
Stivali: Alpinestars Belize drystar
Casco: Xlite X-551

Video e foto di Enrico De Conti

  • 1/19
  • 2/19
  • 3/19
  • 4/19
  • 5/19
  • 6/19
  • 7/19
  • 8/19
  • 9/19
  • 10/19
  • 11/19
  • 12/19
  • 13/19
  • 14/19
  • 15/19
  • 16/19
  • 17/19
  • 18/19
  • 19/19
Recensioni
  • Danilo_65
    20 marzo 2021
    Betamotor RR 125 4T RR 125 4t Motard AC
    Ottima come prima moto; il motore non sarà tra i più potenti ma ti permette di girare a costi bassi costo grazie all'ottimo consumo e il basso costo di manutenzione (cambio di olio annuale e il controllo del finto aria e candela). La tenuta e la frenata sono ottime come pure la maneggevolezza.
    Leggi di più
  • bergomi1803
    9 marzo 2021
    Betamotor RR 125 4T RR 125 4t Enduro LC
    Ottima moto per iniziare, uno dei migliori se non il migliore 125 4t, sospensioni ottime, consumi ridotti pochissima manutenzione, bel giocattolo.
    Leggi di più
  • lorenzo.calandra3
    25 dicembre 2020
    Betamotor RR 125 4T RR 125 4t Enduro AC
    Ho avuto per un paio d'anni il beta 125 enduro raffreddato ad aria e sono molto soddisfatto. Il motore è indistruttibile e consuma niente, un vero mulo. Senza pretese di prestazione ti porta dappertutto senza andare in crisi. Con il giusto scarico ha anche un sound da paura (con il mio x-racing tira fiamme di 10 cm😁). Su asfalto soffre un po' i rapporti corti, ma ha un agilità superiore alla concorrenza più specialistica. Le sospensioni sono comode ed efficaci, a patto che in fuoristrada non si alzi troppo il ritmo e i freni sono giusti per il peso piuma
    Leggi di più
Moto nuove
Moto usate
Leggi anche
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta