TEST 250

KAWASAKI Ninja 250R

Una Ninja per cominciare bene
Iniziare col piede giusto vale anche per i motociclisti. Ecco la Kawasaki per chi non vuole fare il passo più lungo della gamba
di Francesco Paolillo

Verde come le sorelle maggiori, con un look da moto grande e sportiva, la Ninja 250 R che ci attende per la prova ha nel vestito uno degli assi più importanti da giocare.
C’è anche nera, abito da sera elegante e aggressivo, ma il verde Kawa è un’altra cosa.
Se non fosse per la dimensione dello pneumatico posteriore, uno snello 130/70 che tradisce la potenza da scaricare a terra, verrebbe da pensare che i centimetri cubici all’interno della carena siano ben più dei 249 dichiarati.
Le dimensioni contenute, ma non smilze, e la linea piacevolmente aggressiva e moderna rendono questa Ninja davvero appetibile, soprattutto per quella fascia di motociclisti che reputano troppo lungo il salto dallo scooter alle naked 600, che oggi rappresentano spesso il primo approccio con la moto.

Quote rosa in moto
Il target femminile, sempre alla ricerca di moto con piano di seduta basso e dal peso contenuto, è stato tenuto in grande considerazione durante lo sviluppo della moto, un dettaglio che emerge in modo chiaro salendo in sella.
La posizione di guida è tagliata su misura per le persone meno alte, chi si aggira attorno ai 160 cm di altezza può poggiare entrambi i piedi a terra senza particolari problemi, mentre le pedane, leggermente alte e avanzate, sono perfette per raggiunge il metro e settanta.

C’è anche nera, abito da sera elegante e aggressivo, ma il verde Kawa è un’altra cosa

La mancanza dei registri per la regolazione delle leve al manubrio è un particolare di cui non si sente la necessità, vista la moderata distanza delle stesse dalle manopole, caratteristica  che le rende comode nello stop and go cittadino.
Un’occhiata più approfondita alla Ninja fa emergere una notevole cura costruttiva e un livello di finitura apprezzabile, anche in virtù del prezzo di acquisto contenuto, 4.350 €.

Plastiche economiche ma dall’aspetto curato, assemblaggi precisi e senza imperfezioni di sorta, rendono la Ninja un prodotto dall’ottimo rapporto qualità prezzo. A rafforzare questa affermazione si aggiungono dei particolari di cui questa piccola Kawa è dotata e che rendono ancora più esclusiva la sua immagine, come i freni a disco a margherita che fanno tanto racing.
La strumentazione ha un ingombro importante, ma si presenta ben leggibile e completa di tutto quello che serve (tachimetro, contagiri, temperatura liquido raffreddamento, conta chilometri e spie di servizio).

La prova su strada. Tutto le viene facile
I primi chilometri percorsi insieme alla Ninja rendono bene il concetto che Kawasaki ha voluto esprimere con questa piccola bicilindrica, una moto poco impegnativa, facile e a prova di errore.
I 33 CV del bicilindrico in linea semplificano la vita anche a chi non vanta una decennale esperienza. L’erogazione fluida e lineare, la coppia sufficiente al disimpegno veloce, fanno sì che la Ninja si muova nel traffico cittadino con estrema disinvoltura.
La congestione delle strade di Barcellona nelle ore di punta sottolinea le ottime capacità di guida della duecinquanta Kawasaki, che serpeggia e sguscia nel traffico come e meglio di uno scooterone.
Il peso limitato, 154 i chili a secco, si porta a spasso in maniera spigliata, così come le limitate dimensioni in larghezza permettono di passare tra le macchine incolonnate senza il timore di portarsi via uno specchio retrovisore altrui.
Le sospensioni prive di regolazioni, se si esclude il precarico della molla posteriore, nell’insieme offrono un comfort discreto, anche se le buone doti incassatrici della forcella devono prendersi carico delle risposte piuttosto secche del mono posteriore, che fatica a filtrare le asperità più marcate.
Tale settaggio ha il vantaggio non secondario di offrire un ottimo feeling di guida non appena ci si sposta sui percorsi più veloci e maggiormente guidati.
Le strade di montagna intorno a Barcellona hanno evidenziato un equilibrio dinamico inaspettato, la Ninja, seppur stressata oltre l’indispensabile, ha risposto in maniera inattesa.
Rapida negli inserimenti e nei cambi di direzione la piccola Kawa difficilmente si scompone. Nelle lunghe curve in appoggio, l’avantreno segue fedelmente le linee tracciate dal guidatore con la forcella che copia al meglio l’asfalto, mentre il posteriore non fatica a tenere a bada i 22 Nm di coppia.

I 33 CV del bicilindrico in linea semplificano la vita anche a chi non vanta una decennale esperienza
I 33 CV del bicilindrico in linea semplificano la vita anche a chi non vanta una decennale esperienza

Uno pneumatico da 140 o addirittura da 150, oltre a rendere più aggressiva la vista posteriore della Ninja, offrirebbe un maggiore sostegno riducendo solo in parte l’agilità. 

La potenza contenuta offerta dal quarto di litro della Ninja obbliga a un utilizzo duetempistico del propulsore, con la lancetta del contagiri che oscilla costantemente nella zona alta, anzi altissima del contagiri.
Così utilizzato, il bicilindrico ha tirato fuori un bel carattere. Quanto basta per divertirsi, senza per forza stare attenti a come si apre il gas in uscita di curva, raggiungendo velocità di punta sempre gestibili.
Anche se maltrattati e sottoposti a stress che i potenziali clienti difficilmente riprodurranno, il cambio e la frizione si sono comportati in modo egregio. Preciso e discretamente rapido il primo, leggera e modulabile la seconda.
Il percorso, oltre ad essere ricco di curve, era anche ricco di discese. In questo frangente, si è distinto l’impianto frenante, sempre pronto e per nulla soggetto ad affaticamento. Il disco anteriore è discretamente potente e facilmente modulabile, il posteriore è performante e poco soggetto al bloccaggio.
Una bella sorpresa prima di prendere la strada del ritorno, è stata la sosta dal benzinaio. Dopo oltre 90 Km a gas spalancato il livello della benzina era sceso di poco: la piccola Ninja beve poco, particolare da non sottovalutare visti i tempi che corrono.

Ninja 250 R, unica nel suo genere, è perfetta per chi vuole un mezzo economico e poco impegnativo, adatto ad apprendere i segreti della guida, anche sportiva.
Il tutto senza sacrificare l’immagine.


Pregi


Look piacevole – Guidabilità – Prezzo interessante

Difetti


Sospensione posteriore rigida 

 

  • 1/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 2/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 3/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 4/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 5/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 6/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 7/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 8/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 9/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 10/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 11/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 12/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 13/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 14/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 15/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 16/17 - KAWASAKI Ninja 250R
  • 17/17 - KAWASAKI Ninja 250R

Kawasaki Ninja 250 R (2007 - 13)

Informazioni generali
  • Marca
    Kawasaki
  • Modello
    Ninja 250 R
  • Allestimento
    Ninja 250 R (2007 - 13)
Vai alla scheda tecnica
Recensioni
  • gasko74
    14 aprile 2021
    Ninja 250 R Facile e divertente
    Moto facile per imparare ma anche per divertirsi grazie al motore molto elastico che se tenuto su di giri sviluppa i cavalli e diventa molto divertente. Nonostante questo risulta essere molto docile per cui ideale anche per neofiti o giovani centaure.
    Leggi di più
  • tosoalberto68
    13 marzo 2021
    Kawasaki Ninja 250 R
    Un vero carrarmato. Sesta ai 40 allora ma cari t max .....vi saluto. Molto comoda anche per il passeggero. Adatta anche per lunghi viaggi.
    Leggi di più
  • ZackHietala
    2 novembre 2020
    Kawasaki Ninja 250 R
    Certo, stiamo parlando solo di un 250. Ma stiamo parlando del dueemmezzo più performante che abbia mai guidato. La posizione di guida ti permette di dominare comodamente la moto in maniera sportiva, eppure di rimanere abbastanza comodo da farti tutti i km che il serbatoio di permette di fare prima che la spia della riserva si illumini. Riserva da 4 litri, praticamente hai ancora 80 km, dato che consuma 18km al litro se la usi malissimo, 22/23 se stai tranquillo col gas. Freni eccellenti, complice il peso probabilmente. La ciclistica ti permette di uscire col corpo quanto vuoi, e la sensazione di controllo in curva è leggermente ammorbidita quando non tieni il motore in coppia, ma in ogni momento hai il perfetto controllo dell'aderenza. Avesse più cavalli non sarebbe più una moto per principianti. Una volta con un mio amico con una MV Agusta Brutale 910 S ci siamo scambiati le moto e siamo andati a fare dei tornanti. Mi ha ridato la moto meravigliato e divertito. Miglior 250 sportivo stradale di sempre.
    Leggi di più
Moto usate
Leggi anche
Altre info Kawasaki Ninja 250 R (2007 - 13)
Cosa stai cercando?
Invia feedback
La tua opinione conta